La tricotillomania: che cos’è e come curarla

0
168

La tricotillomania è un disturbo del comportamento caratterizzato dall’irrefrenabile impulso di tirare e strappare i capelli del cuoio capelluto.

L’atto patologico può essere orientato ad estirpare anche sopracciglia, barba, ciglia ed altri peli del corpo, compresi quelli di addome, gambe, braccia, ascelle e zona pubica.

Se protratta nel tempo la tricotillomania provoca la comparsa di chiazze glabre a livello del cuoio capelluto o delle aree di cute coinvolte. Chi soffre di questa patologia è colto da un crescente senso di tensione e di eccitamento in cui è portato all’estrema necessità di strapparsi i capelli.

Ovviamente, questa patologia non va confusa con il vizio di toccarsi i capelli o con la normale abitudine di giocherellare con questi. Il disturbo, inoltre, non è correlato alla calvizie o all’alopecia.

Anche se potrebbe non sembrare particolarmente grave, la tricotillomania può avere un grande impatto sulla vita del paziente. A volte questa condizione è autolimitante, ma è sempre consigliabile ricorrere tempestivamente ad un medico che possa consigliare la terapia più adatta per il paziente.

 

Commenti